Jo Cox

Jo Cox

E’ morta la deputata laburista Jo Cox aggerdita ieri  a Birstall, nei pressi di Leeds, la città bvritannica nel cui collegio era eletta.
L’annuncio della morte è stato dato nel corso di una conferenza stampa a Wakefield da Dee Collins, a capo della West Yorkshire Police, che ha fatto le condoglianze alla famiglia della vittima. La comandante ha rivelato anche che la deputata era stata dichiarata morta sul luogo dell’attacco e che non è stato possibile rianimarla in ospedale. Un uomo è rimasto ferito, forse intervenuto per difendere Cox, ma non sarebbe in gravi condizioni.
Gli investigatori britannici mantengono per ora il riserbo sul possibile movente dell’uccisione della Cox. Lo ha detto la funzionaria Dee Collins, capo della polizia del West Yorkshire, rifiutandosi di confermare, ma anche di smentire che l’aggressore sia stato sentito gridare “Britain first”. Collins ha comunque invitato ogni testimone a farsi avanti, mentre ha precisato che sono state recuperate “alcune armi”.
Schierata contro la Brexit in vista del referendum britannico sull’Ue del 23 giugno e a favore dell’immigrazione, è stata attaccata oggi a Birstall, vicino a Leeds, da un uomo che avrebbe gridato “Britain first” (la Gran Bretagna prima di tutto)
Secondo la Bbc, è stata ferita con un coltello e anche con colpi d’arma da fuoco. La Cox dopo l’attacco è stata trasportata in eliambulanza all’ospedale di Leeds. Aveva 41 anni e in passato si era occupata del conflitto siriano e della questione migranti. Cox si trovava nella sua circoscrizione per il consueto incontro con gli elettori. Secondo la Bbc, nel corso dell’attacco anche un uomo è stato accoltellato.
La deputata ha lottato con l’aggressore prima di crollare sanguinante per strada fra due automobili parcheggiate. Lo ha raccontato un testimone oculare all’agenzia Pa, dicendo di aver individuato l’aggressore in un uomo con un cappello da baseball che a un certo punto, mentre la deputata cercava di tenerlo fermo, e’ riuscito a tirare fuori un’arma da una borsa e a sparare. Nello scontro il testimone, Hithem Ben Abdallah, ha visto coinvolto pure un altro uomo, che forse cercava di bloccare l’assalitore e che risulta pure essere stato ferito. E’ stato arrestato un uomo di 52 anni.
Il leader del Labour britannico, Jeremy Corbyn, si è detto “totalmente scioccato” per l’attacco. “I pensieri di tutto il Partito Laburista sono con lei e con la sua famiglia”, aveva detto Corbyn citato dall’agenzia Pa.
Cox avrebbe compiuto 42 anni il 22 giugno, lascia il marito e  due bambini. Dopo aver conseguito la laurea a Cambridge, aveva lavorato all’Oxfam ed era nota per l’impegno nel campo dei diritti umani. E’ alla prima legislatura da deputata alla Camera dei Comuni e si era messa in luce in particolare nei mesi scorsi per un’iniziativa bipartisan sulla Siria volta a promuovere un’azione internazionale in favore di una transizione politica in grado di mettere fine al conflitto in quel Paese.
Boris Johnson ha sospeso il tour sul bus della campagna referendaria Vote Leave dopo aver ricevuto la notizia della deputata Jo Cox rimasta gravemente ferita in un attacco. L’ex sindaco di Londra, fra i maggiori esponenti euroscettici, ha definito il fatto come ”assolutamente orribile”.
Anche la campagna ‘Remain’ dopo quella ‘Leave’ ha deciso di sospendere la campagna per il referendum sulla Brexit in seguito al’attacco alla deputata laburista.
In una nota diffusa da Downing Street, la morte di Jo Cox “è una tragedia” per la Gran Bretagna. Così il premier David Cameron sull’uccisione della deputata laburista. “Era una parlamentare impegnata e premurosa, i miei pensieri vanno a suo marito Brendan e ai suoi due figli piccoli”, si legge in una nota diffusa da Downing Street.