silvio-berlusconi

Silvio Berlusconi

Silvio Berlusconi sarà operato al cuore. La diagnosi per l’ex premier è infatti di insufficienza aortica “di grado severo”. La valvola aortica dovrà essere sostituita: sarà operato da Ottavio Alfieri del San Raffaele entro la prossima settimana, l’intervento durerà 4 ore.
Llo staff medico che segue Berlusconi ha comunicato la decisione di sottoporre Berlusconi a una operazione al cuore. Alberto Zangrillo e gli altri medici della clinica stamattina hanno avuto al San Raffaele un consulto molto importante con diversi luminari di cardiologia e cardiochirurgia, per stabilire la strada da intraprendere.
In ospedale, intanto, sono continuate le visite di familiari e dei più stretti collaboratori come l’avvocato Niccolò Ghedini, che è arrivato in via Olgettina per incontrare l’ex premier. Ci ha provato anche Denis Verdini, ex compagno di partito di Berlusconi (ora leader di Ala), che però è stato fermato perché “il leader di Forza Italia può ricevere solo la visita dei familiari e dei più stretti collaboratori”
Gli accertamenti condotti in questi giorni dai medici sono stati mirati a capire le cause dello scompenso cardiaco che si è verificato a Roma la sera di domenica 5 giugno, giorno delle elezioni. Inizialmente i controlli erano stati programmati al rientro a Milano per il pomeriggio del lunedì: dopo i primi accertamenti, però, i medici del San Raffaele hanno deciso di ricoverare Berlusconi a partire dal giorno dopo, martedì. I tempi del ricovero, all’inizio stimati in un paio di giorni al massimo, si sono poi allungati più del previsto. Ora la decisione di procedere con l’operazione.