renzi-napolitano-quirinale

Matteo Renzi e Giorgio Napolitano

Non è più Capo dello Stato, ma spesso si comporta come se lo fosse ancora. Ma, soprattutto, continua a svolgere un ruolo di primo piano nella vita politica. Così Giorgio Napolitano, dopo aver imposto al Paese il governo di Matteo Renzi, adesso coltiva col suo pupillo un sogno ambizioso: fare un nuovo grande partito di centro che rinnovi i fasti della vecchia Democrazia Cristiana.
Il duo Napolitano-Renzi ha capito che, nonostante sostengano il contrario, gli italiani vogliono “morire democristiani” e allora è pronto ad accontentarli.
Per questo presidente emerito e premier starebbero studiando una serie di azioni per arrivare alla nascita di un nuovo partito di centro che, grazie anche alla riforma elettorale, sarebbe maggioritario.
Il nucleo centrale del nuovo soggetto politico sarebbe il Pd depurato dell’ala di sinistra. Per questo potrebbe aiutare una scissione di bersaniani & C.
Quindi il partito si aprirebbe al centrodestra. Dentro sicuramente Ncd, Scelta Civica e Ala di Verdini. Ma poi anche quella parte di Forza Italia che non vede di buon occhio l’alleanza a destra con Lega Nord e Fratelli d’Italia.
A questo piunto resterebbe spiazzato e lasciato al margine Silvio Berlusconi che con Napolitano non è mai andato d’accordo.