valigiatricoloreSempre più italiani lasciano il proprio Paese per cercare miglior sorte all’estero. E se nel 2014 avevano sfondato la quota delle 100mila unità l’anno successivo è stato anche peggio: nel 2015 sono infatti emigrati 107.529 italiani. Dietro questo numero già preoccupante, c’è però anche un altro dato statistico ancor più drammatico: la fascia dei 20-40enni ha  superato la soglia del 50% sul totale degli emigrati (54.540 per precisione). Una cosa mai accaduta prima.
A certificarlo sono i nuovi dati dell’Anagrafe della popolazione italiana residente all’estero (Aire) Più di 50mila giovani – i famosi’ cervelli’ ma anche tanti ragazzi disposti a fare i lavori più umili – hanno insomma perso ogni speranza di costruirsi un futuro in Italia.
Ma dove sono andati i nostri connazionali? 74.531 italiani sono comunque rimasti in Europa e, per la precisione, soprattutto in Germania (16.569 emigrati), ma anche Gran Bretagna (16.500),  Svizzera (11.451), e la Francia (10.707). Più staccati gli altri Paesi, compresi quelli extraeuropei: quinto il Brasile, poco sopra i 6mila italiani emigrati, poi Stati Uniti, Argentina, Spagna, Belgio e l’Australia (cui dedichiamo un paragrafo a parte perché prediletta soprattutto dai giovani). Si fa notare il 14° posto in classifica degli Emirati Arabi Uniti, con oltre 1.200 connazionali espatriati.E’ comunque la Gran Bretagna la meta preferita dai giovani e sorpassa la Germania sia nella fascia 20-30 anni (5.421 emigrati contro 5.025), sia nella fascia 30-40 anni (4.892 contro 4.111). Quasi tre “under 40” su quattro, fa notare Il Sole, restano in Europa: un tasso più alto, rispetto alla media generale.Per quanto riguarda la provenienza regionale, la Lombardia nel 2015 ha superato i 20mila espatri annui, posizionandosi a 20.088. Il Veneto è secondo, con 10.374 partenze, quindi la Sicilia, a 9.823 emigrati.
Per curiosità statistica, è l’Umbria la regione dove tocca l’apice l’emigrazione all’estero degli uomini (58% sul totale), mentre sul fronte femminile la palma se la aggiudica il Friuli-Venezia Giulia (47%)”.Dai dati Aire si risale infine a 817.000 italiani espatriati in un decennio, dal 2006 al 2015. Mentre i connazionali ufficialmente residenti all’estero al 31 dicembre 2015 erano 4.811.163, in crescita di quasi duecentomila unità in un solo  anno.