guardia-finanza-controlli-aziende-agricole1Attraverso falsi datori di lavoro ha documentato assunzioni fittizie di 70 extracomunitari soltanto allo scopo di fare ottenere loro il permesso di soggiorno. Un commercialista di Torino è stato arrestato e posto ai domiciliari dai carabinieri del nucleo ispettorato lavoro su ordine di custodia cautelare spiccato dal gip Alfredo Toppino.

L’uomo è ritenuto responsabile di falso ideologico indotto in atto pubblico e di false attestazioni in atti destinati all’autorità giudiziaria.

Per gli stessi reati il pm Sabrina Noce, che coordina l’inchiesta, ha iscritto nel registro degli indagati anche i 70 beneficiari delle finte assunzioni, che avrebbero pagato 3mila euro a testa. Con il permesso di soggiorno avrebbero ottenuto benefici di legge non dovuti anche in sede di espiazione della pena, mediante la presentazione di false dichiarazioni e documenti al tribunale di sorveglianza di Torino.

Perquisiti anche i falsi datori di lavoro con sequestro di documentazione, che è tuttora al vaglio degli inquirenti.