silvio-berlusconi-facepalm1-586x364

Silvio Berlusconi

Fosche previsioni per i risultati delle amministrative  per il centrodetra e, in particolare, per Forza Italia. A Roma il partito è dato al di sotto del 5%,  stesso risultato previsto per Bologna. Ancora peggio a Torino mentre a Milano i risultati sono molto al di sotto delle attese.
E’ questo il responso dei sondaggi di  Euromedia Research commissionati espressamente da Silvio Berlusconi.
Nella Capitale Forza Italia si dovrebbe attestare al 4,9% mentre il candidato sindaco Guido Bertolaso otterrebbe circa il 6% dei consensi e nessuna possibilità di andare in ballottaggio.Un risultato, quello dell’uomo fortemente voluto dal Cavaliere, che impallidisce di fronte al 20 e oltre per cento attribuito a Giorgia Meloni, altra candidata di centrodestra appoggiata da Fli e Lega.
A questo punto in Forza Italia danno per scontato il cambio di cavallo. Bisognerà vedere se Berlusconi convergerà sulla leader di Fratelli d’Italia, riunendo così il Centrodestra, o se invece opterà per Marchini scavando un solco ancora più netto tra Forza Italia e il duo Lega-Fdi.
Ma le cattive notizie per quello che fu a lungo il primo partito italiano non arrivano solo da Roma.
Nella roccaforte Milano Fi è attorno al 10% ben superata dalla Lega.
E a Torino va perfino peggio di Roma con gli azzurri ancorati al 4% e Osvaldo Napoli – il possibile candidato sindaco – non ha alcuna chance di arrivare al secondo turno.
Anche a Bologna Forza Italia è ferma al 5% e nettamente staccata dalla Lega che, tra l’altro, ha un candidato sindaco molto popolare (Lucia Borgonzoni) e oscilla tra il 15 e il 18%.
Solo a Napoli il candidato sindaco Gianni lwttieri potrebbe andare in ballottaggio, ma in virtu dei consensi personali. Qui Forza Italia si prevede attestata al 12%.
Insomma, l’atteggiamento di attenzione verso Renzi e il governo pare stia costando enormentente a Forza Italia in termini di voti. Il suo elettorato, sentitosi tradito, ha preso a guardare verso la più battagliera Lega o sta optando per l’astenzione.