Due padovani – padre e figlio – sono stati uccisi in Zimbabwe. I due stavano partecipando ad una operazione contro i bracconieri e sono stati freddati dalle stesse guardie che stavano aiutando. La notizia è stata confermata dall’ambasciata italiana di Harare.
Claudio Chiarelli, di 50 anni, era nel Paese africano da decenni. Per professione accompagnava i turisti nei safari. Assieme al figlio Massimililiano, ventenne, erano stati chiamati dai rangers della riserva di Mana Pools, un’area interdetta alla caccia, a partecipare ad una operazione contro i bracconieri. La dinamica dei fatti è ancora da chiarire ma sembra che i due italiani siano stati scambiati per i cacciatori di frodo ai quali veniva data la caccia. L’Unità di crisi del ministero degli Esteri italiano, sempre contatta da Repubblica.it., fa sapere che sono in corso, da parte delle autorità di polizia del Paese africano, delle indagini per stabilire come sono andate realmente le cose.