Dovrà pagare 50 euro di multa per aver portato dei fiori su una pista di sci, quella su cui nel 2011 era morto il figlio di 9 anni. E’ stato infatti respinto il ricorso contro la sanzione presentato dall’uomo, Mauro Rossato. E’ questo l’ennesimo capitolo di una vicenda che solo qualche giorno fa aveva visto la condanna della società Ista, che gestisce la parte bassa degli impianti della Tofana. Il sindaco: “Decisione dei vigili”.
L’uomo era stato multato nel 2015 perché trovato sulla pista da sci, chiusa proprio in seguito alla morte del figlio perché ritenuta troppo pericolosa. Per raggiungere il punto esatto dove aveva perso la vita il piccolo, il padre aveva “percorso una pista vicina. Poi mi sono addentrato nel bosco all’altezza del punto che volevo raggiungere. Ci sono arrivato accanto, ma una ventina di metri più sotto. Sprofondavo nella neve, così ho messo gli sci per risalire a scaletta”.
Ed è proprio qui la colpa dell’uomo: qualcuno infatti lo aveva notato su quella pista chiusa ed ha avvertito gli agenti della polizia che, proprio mentre Rossato deponeva i fiori lo avevano raggiunto e multato.