“L’Italia si è offerta per rivestire un ruolo guida in Libia. E noi abbiamo già promesso che la sosterremo con forza”. Lo ha affermato il segretario alla Difesa americano, Ash Carter, nel corso di una conferenza stampa. Carter ha inoltre sottolineato che la coalizione internazionale anti-Isis entrerà in campo “quando si sarà formato un governo libico, speriamo al più presto”.
iI nostro Paese è quindi in prima linea per il comando di una missione in Libia e gli Stati Uniti sono pronti ad appoggiarci. Per Carter occorre riportare al più presto il Paese nordafricano in un quadro di stabilità, perché il caos non fa altro che dare linfa all’espansione dello Stato islamico. E quando ci sarà un nuovo governo, ha sottolineato il capo del Pentagono, gli Usa sono pronti a garantire il massimo sostegno “già promesso” all’Italia”.
“Ai libici – ha ammesso Carter – non piace l’idea di un intervento esterno straniero, così come non piace che qualcuno entri nel Paese per prendersi il loro petrolio”. Ma “siamo certi”, ha proseguito, “che quando il governo sarà nato, e speriamo accada presto, chiederà un aiuto internazionale”.