E’ giallo sulla morte di una donna di 34 anni che lavorava come impiegata alla reception nella Domus Santa Marta, la residenza di Papa Francesco. A riferire la notizia è ‘Il Messaggero’. Miriam Wuolou, italiana, originaria dell’Eritrea, era incinta al settimo mese. E’ stata trovata morta nella sua abitazione alla Pisana.
A dare l’allarme è stato il fratello della donna preoccupato perché la sorella non rispondeva al telefono da qualche giorno. Papa Francesco, riferisce il quotidiano romano, conosceva personalmente l’impiegata e pare sia rimasto molto colpito dalla sua morte.
Sul decesso, che risale ad alcuni giorni prima del ritrovamento del cadavere, è stata aperta un’inchiesta e sarà effettuata l’autopsia, anche su richiesta del Vaticano. Il corpo non presenterebbe segni evidenti di violenza. La morte potrebbe essere avvenuta per cause naturali: la donna soffriva di diabete e la gravidanza avanzata potrebbe aver aggravato la malattia.
Gli investigatori vogliono capire però perché la donna, nonostante fosse malata e incinta, non avesse nessuno ad assisterla. Miriam Wuolou era sposata ma sembra che non vivesse con il marito. L’uomo, interrogato, non sapeva nulla della morte della moglie. Durante l’autopsia, riporta ‘Il Messaggero’, saranno effettuati anche dei controlli sul feto per stabilire se l’uomo fosse il padre del bambino.