E’ durata meno di 24 ore l’euforia sui mercati europei che oggi affrontano un’altra giornata di passione: “I mercati stanno scontando un calo della crescita globale, mentre diminuisce la convizione che le banche centrali possano fare molto per constrare questa fase” dice un analisti di Ing da Singapore. A Milano, quindi, scattano le prese di beneficio e il listino perde il 4,8%, Londra il 2,6%, Francoforte il 2,9% e Parigi il 3,7%. Soffrono ancora le banche penalizzate dai conti della francese Société Générale che ha mancato le stime sull’utile. L’euro è in lieve rialzo: la moneta unica passa di mano a 1,1285 dollari, contro 1,1196 dollari delle ultime ore di negoziazione di ieri. Lo spread è in rialzo in area 150 punti, mentre i Btp sul mercato secondario rendono 1,67%.