Mazzette per chiudere un occhio sulla regolare esecuzione dei lavori di manutenzione di strade e infrastrutture: 33 le gare d’appalto finite nel mirino della procura di Roma e dei Carabinieri del Noe, che hanno arrestato 7 funzionari pubblici. Sedici milioni il valore degli appalti, sui quali sarebbero stati pagati in due anni 650 mila euro di tangenti
Gli arresti – eseguiti all’alba, insieme ad una serie di perquisizioni, dai carabinieri del Comando per la Tutela dell’Ambiente in collaborazione con quelli del Comando provinciale di Roma – riguardano funzionari di diversi Municipi del Comune di Roma, del Dipartimento ‘Simu’ (Sviluppo Infrastrutture e Manutenzione Urbana) di Roma Capitale e dell’Ospedale San Giovanni Addolorata. L’indagine è la prosecuzione di quella che il 14 ottobre scorso portò all’arresto degli imprenditori Luigi Martella ed Alessio Ferrari, insieme al funzionario del ‘Simu’ Ercole Lalli, accusato di aver ricevuto 2.000 euro in contanti in cambio di informazioni riservate sulle gare d’appalto per la manutenzione e la sorveglianza delle strade della Grande Viabilità di Roma.