Attivisti per i diritti umani confermano il “massacro” di “centinaia di sciiti, fino a mille”, nel raid dell’esercito nigeriano a Zaria, nel nord del Paese, roccaforte del Movimento islamico della Nigeria. Il leader del gruppo, Ibrahim Zakzaky. è stato ferito e arrestato. Un tempio e diverse case rase al suolo.