elezioni-francia-

L’elettorato corso in massa alle urne e il sistema elettorale francese hanno bloccato il FN di le Pen. Il partito di estrema destra non ha conquistato nessuna regione francese al ballottaggio di ieri, malgrado fosse risultato in testa al primo turno. La destra moderata dell’ex presidente Nicolas Sarkozy ha vinto in sette regioni, i socialisti del presidente Francois Hollande in altre cinque e in Corsica si sono affermati i nazionalisti.

Il risultato appare chiaramente legato alla decisa volontà di una parte dell’elettorato di sbarrare il passo al Front National. Il ballottaggio è stato caratterizzato da una forte affluenza alle urne: 58,53% contro il 49% del primo turno. Basti pensare che al ballottaggio delle regionali nel 2010 era andato a votare il 43,47%. Inoltre in due regioni il candidato socialista si è ritirato per far convergere i voti sulla destra moderata.
Si tratta del Nord-Pas-de Calais- Picardia, dove Marine Le Pen è stata ora battuta con il 42,23% dal candidato della destra moderata Xavier Bertrand arrivato al 57,7%, e della regione Provenza- Alpi-Costa Azzurra, dove Marion Marechal Le Pen ha ottenuto il 45,2% ed è stata sconfitta dal sindaco di Nizza, l’esponente della destra moderata Christian Estrosi. I candidati del Front National sono stati comunque battuti anche nelle altre quattro regioni dove erano arrivati primi e non vi è stato il ritiro di candidati socialisti.
La sinistra socialista vince in cinque regioni: Aquitania-Limousin-Poitou-Charentes, Borgogna-Franche-Comté, Bretagna, Centro- Val de Loire, Languedoc-Roussillon-Midi-Pirenei. Alla destra moderata, oltre alle due regioni del Pas-de-Calais e la Provenza, vanno Alsazia- Champagne-Ardenne-Lorena, Auvergne-Rodano-Alpi, Ile-de-France, Normandia e Pays de la Loire.
Ma il Front National, che al primo turno aveva ottenuto il 28%, continua ad essere votato da una fetta importante dell’elettorato francese: al ballottaggio il partito di estrema destra ha ottenuto almeno 6,7 milioni di voti, contro i 6,1 del primo turno. Il quotidiano Le Monde sottolinea che il Front National ha visto triplicare in cinque anni il numero dei suoi consiglieri regionali: nel 2010 erano 118, ora sono 358.