areifrancesiAll’indomani della strage di Parigi la Francia ha finalmente deciso la sua rappresaglia nei confronti dell’Isis. Una massiccio bombardamento ha colpito Raqqa la ‘capitale’ del sedicente Stato islamico,. La Francia ha centrato il centro di comando dell’Isis nella capitale siriana del gruppo, con raid che hanno impegnato 10 jet. Lo annuncia il ministero della Difesa, citato da France 24. Colpito anche il centro di addestramento e un altro per il reclutamento. “Il primo obiettivo distrutto veniva utilizzato dall’Isis come posto di comando, centro di reclutamento dei jihadisti e deposito d’armi e munizioni. Il secondo obiettivo ospitava un campo di addestramento terrorista”, afferma il ministero.
Le “infrastrutture operative dello Stato islamico” sono state “distrutte” in due raid “alle 19:50 e alle 20:25”. Parigi sottolinea poi che l’operazione si è scagliata contro obiettivi “identificati in precedenza” dalle missioni di ricognizione condotte dall’aeronautica militare francese. “L’operazione è stata condotta in coordinamento con le forze americane”, si conclude nella nota.
 La Francia ha sganciato 20 bombe sulla capitale dell’Isis in Siria, afferma un comunicato del ministero della Difesa di Parigi. Nei raid sono stati impiegati 12 aerei, tra i quali 10 caccia da combattimento, partiti simultaneamente dagli Emirati Arabi Uniti e dalla Giordania. L’operazione – riferisce il comunicato – si è svolta in serata. In città, oltre l’energia elettrica, è stata tagliata anche la fornitura di acqua, rendono noto fonti locali.
E la reazione del governo francese continua anche in patria. Il ministro dell’Interno, Bernard Cazeneuve, in diretta su France 2, ha detto di aver avviato i procedimenti per lo “scioglimento” di quelle moschee in cui “certi soggetti fomentano l’odio”. “Non ho atteso lo stato d’emergenza per combattere i predicatori d’odio ma lo stato d’emergenza ci deve permettere di agire in modo più rapido”, ha detto Cazeneuve.