guardie-svizzere
Due arresti eccellenti in Vaticano, per la divulgazione di documenti e di notizie riservate: si tratta di monsignor Lucio Angel Vallejo Balda e Francesca Chaouqui, rispettivamente ex segretario e membro della Cosea, la Commissione referente di studio e indirizzo sull’organizzazione delle strutture economico-amministrative della Santa Sede istituita da papa Francesco nel luglio 2013 e poi sciolta dopo il compimento del suo mandato. A renderlo noto è padre Federico Lombardi, portavoce del Vaticano.
“Nel quadro di indagini di polizia giudiziaria svolte dalla Gendarmeria Vaticana e avviate da alcuni mesi a proposito di sottrazione e divulgazione di notizie e documenti riservati – riferisce padre Lombardi – sabato e domenica scorsi sono state convocate due persone per essere interrogate sulla base degli elementi raccolti e delle evidenze raggiunte: si tratta di un ecclesiastico, monsignor Lucio Angel Vallejo Balda , e della dottoressa Francesca Chaouqui, che in passato erano stati rispettivamente segretario e membro della Cosea”.
Prosegue padre Lombardi: “In seguito alle risultanze degli interrogatori, queste due persone sono state trattenute in stato di arresto in vista del proseguimento delle indagini. Nella giornata odierna l’Ufficio del Promotore di Giustizia, nelle persone dell’avvocato Gian Piero Milano, promotore di giustizia, e dell’avvocato Roberto Zannotti, promotore di giustizia aggiunto, ha convalidato l’arresto dei predetti, provvedendo a rimettere in stato di libertà la dottoressa Chaouqui, nei confronti della quale non sono più state ravvisate esigenze cautelari, anche a motivo della sua collaborazione alle indagini”, mentre “la posizione di monsignor Vallejo Balda rimane al vaglio dell’Ufficio del Promotore di Giustizia”.
Il portavoce del Vaticano ricorda che “la divulgazione di notizie e documenti riservati è un reato previsto dalla legge n. IX dello Stato della Città del Vaticano del 13 luglio 2013, art. 10 (art. 116 bis c.p.)”.