Un agguato che sembra un’esecuzione della ’ndrangheta ai danni di una persona che tutto sembra fuorché qualcuno legato alla criminalità organizzata. È mistero sull’omicidio di Alfio Vittorio Molteni, 58 anni, architetto con studio a Mariano Comense e da qualche tempo domiciliato in via Garibaldi a Carugo, dove vivono alcuni familiari.
Mercoledì sera alle 21 qualcuno lo ha atteso al rientro e gli ha esploso vari colpi d’arma da fuoco che lo avrebbero raggiunto alla schiena. Subito apparso in condizioni disperate, il professionista è morto durante il ricovero all’ospedale di Cantù.
Indagini dei carabinieri di Cantù. La vittima aveva già subito pesanti intimidazioni: un altro avvertimento a colpi di arma da fuoco – sempre nell’abitazione di Carugo – e nel maggio scorso l’incendio doloso della sua autovettura, una Range Rover, nel box di Mariano in via Risorgimento dove c’è il suo studio professionale.
Specializzato in “interior design”, Molteni lavorava con i paesi arabi e Dubai in particolare