migrantiGermaniagrande
E’ durata poco la buona volontà della Germania nell’accogliere i disperati che arrivano dalle guerre in Africa e nel Medio Oriente. Il Paese che, a parole, doveva accogliere almeno 500mila siriani all’anno ha già cambiato idea. E ha chiuso le frontiere e sospesso gli accordi di Schengen. La Germania ha anche sospeso il traffico ferroviario dall’Austria a causa della crisi dei migranti.
“Servono zone d’attesa per i migranti in Italia, come anche in Grecia e in Ungheria”. Lo ha detto il ministro dell’Interno tedesco, Thomas de Maizière, in conferenza stampa. Il tema – ha annunciato – sarà trattato domani al vertice degli ministri dell’interno Ue.
Il ministro dei trasporti tedesco Alexander Dobrint ha denunciato il “fallimento totale” della Unione europea nella difesa dei suoi confini esterni, e ha sollecitato misure urgenti per arrestare l’afflusso record di migranti e profughi dal Medioriente. “Sono necessarie misure urgenti ed efficaci per bloccare il flusso di profughi”, ha detto.
Tra l’altro 21 richiedenti asilo sono stati sistemati in un alloggio nei pressi dell’ex campo di concentramento nazista di Buchenwald in Germania, dove fra il luglio del 1937 e l’aprile del 1945 furono uccise 56mila persone, scrive il Mail Online, che ha intervistato tre di loro, due eritrei e un algerino, a cui la soluzione non crea problemi.
Già lo scorso gennaio era stato annunciato che il campo sarebbe stato usato per ospitare alcuni richiedenti asilo.