casa-vacanze-300x336La scelta di affittare una casa o un appartamento per le vacanze è quella di solito più azzeccata per le famiglie o quando si è in gruppo e quando la durata della vacanza supera gli 8 giorni, in quanto risulta essere la più economica. Per assicurarsi però di non rovinarsi le vacanze, di seguito proponiamo un breve vademecum e un fac-simile di contratto da stipulare con il proprietario.

1)   è importante informarsi bene sullo stato dell’immobile prima di prenderlo in affitto, visitandolo possibilmente di persona oppure  visionandolo tramite foto o filmati. In caso di mancata rispondenza a quanto promesso, denunciare subito le difformità a mezzo raccomandata A.R. al proprietario/agenzia con la richiesta di risarcimento, e all’Ufficio Comunale e Provinciale del turismo;

2)     srtipulare il contratto in forma scritta (anche se non è obbligatorio) per cautelarsi e poter dimostrare il contenuto dell’accordo nel caso di  eventuali controversie, inserendo nello stesso il maggior numero di informazioni possibili. Di seguito un FAC-SIMILE DI CONTRATTO che in linea di massima deve riportare i seguenti dati:

    – nome, cognome e indirizzo del proprietario o dell’agenzia  intermediaria
    – numero di vani
    – accessori e servizi  compresi nel canone di locazione (giardino, box, posto barca, cambio biancheria, ecc.)
    – mobili che compongono l’arredamento e altri accessori (elettrodomestici, biancheria, stoviglie, ecc.)
    – servizi in dotazione specificando quali sono inclusi nel prezzo pattuito e quali dovranno essere pagati a parte a consumo o forfettari. In quest’ultimo caso annota le letture dei contatori in entrata ed in uscita

3)  verificare che l’immobile sia coperto da polizza assicurativa per i rischi legati all’utilizzazione (incendio, furto, responsabilità civile, ecc.);
 
4)     controllare l’esistenza e il funzionamento degli apparecchi/accessori presenti al momento  della consegna delle chiavi. Se si riscontrano anomalie o malfunzionamenti, prima di firmare la specifica, farle presenti e annotarle nella nota per evitare discussioni e richieste di risarcimento al momento della riconsegna dell’immobile

5)     al momento di lasciare l’immobile far verificare al proprietario/agenzia immobiliare che l’immobile si trovi nelle stesse condizioni in cui era stato consegnato; in assenza di contestazioni, farsi rilasciare una ricevuta della regolare riconsegna e restituire l’eventuale deposito cauzionale versato

6)     effettuare  la lettura delle utenze per conteggiare i consumi, se debbono essere pagati a parte

7)     se durante  la locazione si dovesse verificare l’urgenza di lavori di manutenzione per una durata che supera un sesto dell’intero periodo di locazione, si ha  diritto ad un riduzione del canone di affitto;

8)      se l’immobile divenisse inservibile causa di un grave guasto (elettrico, idrico, ecc.), si ha  diritto alla restituzione dell’intero canone, oltre al risarcimento per la vacanza rovinata.

(In collaborazione con Adiconsum http://www.adiconsum.it)