birraTrasformare l’urina dei 100mila partecipanti in birra. L’idea è stata lanciata dal Roskilde Festival, che si è tenuto dal 27 giugno al 4 luglio in Danimarca. L’iniziativa è stata denominata ‘From piss to pilsner’ (‘Dalla pipì alla birra’).
Durante il Festival – come riportato dal ‘Guardian’ – sono stati raccolti 25mila litri di urina, che saranno riciclati come fertilizzante per i campi di orzo utilizzati per fare la birra. Una scelta appoggiata da Leif Nielsen del del Danish Agriculture & Food Council (DAFC): questa iniziativa “cambierà il nostro approccio nei confronti dei rifiuti: non saranno più un peso ma una risorsa. L’enorme quantità di urina prodotta durante le feste ha avuto un impatto negativo sull’ambiente e il sistema fognario. Ma il ‘beercycling’ trasformerà l’urina in una risorsa”.
Non c’è dubbio che il risultato di questo fertilizzante naturale sul prodotto, che sarà consumato durante l’edizione 2017, sarà esaminato con attenzione.