Monetecinesigrandi

La crisi greca che tiene banco in questi giorni non è la maggiore nè la più grave. Qualcosa di molto peggio potrebbe infatti arrtivare dalla Cina. Da alcuni giorni le Borse cinesi sono al ribasso e stanno contaminando tutte le altre piazze asiatiche.
Chiusura pesante per la borsa di Hong Kong ‘contagiata’ dalla caduta delle borse cinesi. L’indice Hang Seng ha chiuso in calo del 5,84%. In corso di seduta il listino è arrivato a perdere fino all’8,6%, un tonfo che non si vedeva dall’ottobre 2008. La Borsa di Shanghai ha chiuso con un ribasso del 5,9%, quella di Shenzhen del 2,94%. Chiusura in forte ribasso per la borsa di Tokyo, come tutti i listini asiatici spaventata dal fatto che la crisi greca e la bolla del mercato azionario cinese possano intaccare la crescita economica globale. L’indice Nikkei ha terminato le contrattazioni in calo del 3,14%.
Ilpericolo è lo scoppio della bolla speculativa cinese che avrebbe conseguenze temibili per il resto del mondo.
Le autorità cinesi hanno annunciato oggi una serie di misure di sostegno al mercato dopo che il crollo degli indici delle principali Borse del Paese è proseguito con perdite del 4% a Shanghai e del 4,2% ad Hong Kong. Il governo ha ordinato alle compagnie statali di comprare azioni, ha aumentato la quantità’ di azioni che le compagnie di assicurazioni possono acquistare e ha promesso di continuare a fornire liquidità a credito agli investitori. Dopo una crescita del 150% in un anno a partire dal giugno 2014, il 12 giugno di questo anno è iniziato nelle Borse di Shanghai e Shenzhen un crollo che sembra inarrestabile, che ha colpito soprattutto i piccoli investitori e quelli giunti negli ultimi mesi sul mercato. In precedenza più di 1.400 imprese, cioè più della metà di quelle quotate a Shanghai e Shenzhen, hanno chiesto la sospensione della vendita delle loro azioni nel tentativo di contenere le perdite.
La People’s Bank of China ha assicurato che fornirà al mercato “ampia liquidità” per arrestare il crollo delle borse di Shanghai e Shenzhen. La banca centrale, riporta Bloomberg, ha promesso grande attenzione a quello che succede sul mercato e che farà ciò che è in suo potere per prevenire rischi sistemici. Il comunicato della Pboc è stato emesso poco dopo che nella notte l’indice di Shanghai è arrivato a perdere l’8%.

Intanto a Strasburgo Strasburgo il premier greco nell’atteso discorso al Parlamento europeo ha chiesto “un taglio del debito per poter essere in grado di restituire i soldi: ricordo – ha detto rispondendo alle critiche del Ppe – che il momento di massima solidarietà nella Ue è stato nel 1953 quando venne tagliato il 60% del debito tedesco, dopo la Guerra”. “Ci sono distorsioni del passato che devono essere superate, come la questione delle pensioni. Vogliamo abolire le pensioni baby in un Paese che si trova in una situazione disastrosa. Servono le riforme, ma vogliamo tenerci il criterio di scelta su come suddividere il peso”, ha sottolineato il premier. “Se avessi voluto trascinare la Grecia fuori dall’euro non avrei fatto le dichiarazioni che ho fatto dopo il referendum, io non ho un piano segreto per l’uscita dall’euro e vi sto parlando davvero con il cuore in mano”, ha aggiunto.
“I soldi dati alla Grecia non hanno mai raqgiunto il popolo, i soldi sono stati dati per salvare le banche europee e greche”, ha detto in mattinata Tsipras nel suo intervento al Parlamento europeo. “La mia patria si è trasformata in un laboratorio sperimentale di austerità, ma l’esperimento non ha avuto successo”. “La lotta alla disoccupazione è il primo obiettivo della nostra proposta”, ha affermato il premier greco chiedendo “rispetto” per il ‘no’ uscito dal referendum.  “Oggi invieremo la nostra richiesta all’Esm” e “spero che nei prossimi giorni risponderemo a questa crisi per tutta l’eurozona”.

“Con il referendum lei ha distrutto la fiducia in Europa”. Così il leader del Ppe Manfred Weber, vicino alla cancelliera Angela Merkel, al premier della Grecia Alexis Tsipras dopo il suo intervento in plenaria a Strasburgo. “Lei ha un bilancio catastrofico, non rappresenta la speranza”, ha aggiunto.