Esplosioni e scontri a fuoco sono stati avvertiti nella sede del Parlamento afghano a Kabul e i politici che si trovavano al suo interno sono stati messi in fuga. Lo ha riferito la corrispondente della tv satellitare al-Jazeera, secondo la quale le esplosioni sono avvenute mentre il presidente del parlamento arrivava al suo seggio.
«Si sono sentite due forti esplosioni – ha detto la giornalista – e poi alcuni spari». Quindi tutti i presenti sono fuggiti dal palazzo, che «ora è vuoto e pieno di fumo». Non ci sono per ora notizie di vittime. Secondo l’agenzia di stampa Pajhwok l’attacco al parlamento Afghano è opera di un commando di kamikaze talebani che hanno fatto irruzione nell’edificio al momento in cui era in corso una sessione riguardante la ratifica della nomina del nuovo ministro della Difesa. Un commando si troverebbe ora all’interno di un edificio vicino al Parlamento, impegnato in uno scontro a fuoco con le forze di sicurezza giunte sul posto. Lo riferiscono diversi media locali.