Nestlé India ha avviato la distruzione di tutto lo stock di spaghettini a cottura istantanea Maggi (noodle) esistente nel Paese, per un equivalente di 27.000 tonnellate di prodotto del valore di quasi 45 milioni di euro, dopo che l’Authority per la sicurezza e gli standard alimentari indiana (Fssai) ne ha proibito il consumo a causa di presenza eccessiva di piombo e glutammato monosodico. Lo ha reso noto la compagnia in un comunicato diffuso a New Delhi.