BlattertSepp Blatter, in seguito alle inchieste sui presunti giri di tangenti all’interno della Fifa, ha annunciato le dimissioni dall’organizzazione. Ha spiegato che nel prossimo congresso della Fifa, nel maggio 2016, sarà eletto il nuovo presidente. Il mandato di Blatter era stato rinnovato alla fine della settimana scorsa, con un’elezione piuttosto discussa e avvenuta a pochi giorni dall’arresto di diversi funzionari dell’organizzazione calcistica accusati di avere gestito un giro di tangenti.
La decisione di Sepp Blatter di dimettersi è «coraggiosa». Lo afferma il presidente della Uefa, Michel Platini, sottolineando che Blatter ha preso una «decisione difficile» che va «nella giusta direzione».
«Quella di Blatter è la mossa giusta, penso che ora dobbiamo cominciare a pensare al futuro». Questo il primo commento del principe Alì di Giordania, fatto alla Cnn, dopo l’annuncio delle dimissioni del n.1 della Fifa che lo aveva sconfitto nelle elezioni per la presidenza della scorsa settimana. Alì bin Al Hussein non ha voluto dire se proverà ricandidarsi: «Sono a disposizione di tutte le federazioni nazionali che vogliono cambiare, comprese quelle che avevano paura di farlo».
L’Fbi e le autorità americane starebbero indagando su Sepp Blatter nell’ambito dello scandalo delle tangenti. Lo riporta il network Abc citando alcune fonti. L’indiscrezione arriva dopo le dimissioni di Blatter dalla guida della Fifa.