“Giorgio Mortadela” invece di Sergio Mattarella: così il vicepresidente del Parlamento serbo Igor Becic, in un evidente infortunio, ha annunciato lunedì scorso l’intervento del presidente della Repubblica dinanzi ai deputati dell’Assemblea nazionale serba a Belgrado. A darne notizia sono stati numerosi media e siti online serbi, che non risparmiano ironie e critiche al protagonista della gaffe.

Becic si è giustificato sostenendo che l’errore era nel testo consegnatogli dagli assistenti parlamentari e che lui ha letto in Aula al momento di annunciare, nel pomeriggio, il discorso che avrebbe tenuto Mattarella. “Si è trattato di un errore tecnico. Al posto di una “r” c’era una “d” …ma io mi sono subito corretto, pronunciando correttamente il nome del presidente italiano”, ha detto Becic. La registrazione video disponibile sulla rete però lo smentisce.