rimini-wellnessRiminiWellness, la più grande kermesse di fitness, benessere e sport si appresta a celebrare la decima edizione da domani 28 a domenica 31 maggio a Rimini Fiera e sulla riviera romagnola.
Per quattro giorni nei padglioni della Fiera di Rimini e anche in città si svolgeranno cengtinaia di evengi all’insegna dello sport e del benessere fisico organizzati dalle più prestigiose aziende del settore.
Ad animare ulteriormente la già infiammata atmosfera, ci saranno numerose gare e competizioni, primo fra tutti il Trofeo Rimini Wellness che vedrà in palio dodici titoli tricolore per una sfida fra palestre tra incontri di Free Style e Hip Hop.
Una menzione particolare è indirizzata alla Seconda Edizione del Foodwell, la fiera collaterale del Rimini Wellness dedicata interamente alla sana alimentazione dello sportivo. Sarà un susseguirsi continuo di approfondimenti, cooking show, workshop, grazie anche all’attiva partecipazione di foodblogger in italiano (es. plurale di computer), chef, nutrizionisti e aziende leader del settore.
Infatti quest’anno, anche per la concomitanza con l’EXPO, si decdicano particolari attenzioni agli aspetti alimentari. E l’Osservatorio sui consumi del wellness si concentra sui comportamenti alimentari degli sportivi.
Secondo una ricerca di Nets Marketinge Research realizzata per RiminiFiera praticamente, tutti i frequentatori di centri fitness assegnano un ruolo decisivo e benefico all’alimentazione (solo il 9,6% degli intervistati mostra dei dubbi). Addirittura, l’86,2% consulta spesso o sempre l’etichetta degli alimenti. Il 56,6% scruta con attenzione i valori nutrizionali, il 51,3% la provenienza. Una volta stabiliti gli alimenti meno congegnali al benessere fisico, un terzo (32,2%) li cancella definitivamente dalla lista della spesa, più della metà del campione (52,2%) li evita abbastanza regolarmente.
E la qualità merita qualche sacrificio economico: su una scala dove chi è vicino a 1 bada solo al prezzo e chi è vicino a 10 solo alla qualità, il popolo del wellness si posiziona sul 7. Fattore importante: la dieta non è ‘fai da te’, ma chi pratica fitness segue in 6 casi su 10 i consigli di medici e nutrizionisti, 2 su 10 concertano il tutto col proprio trainer.

La ricerca Nets nel suo approfondimento per cluster fa emergere un percorso generazionale collegato anche ad una cultura alimentare.
I più giovani pongono meno attenzione – ma parliamo comunque di un livello assoluto molto elevato – alla propria alimentazione, piuttosto sono attentissimi ai suggerimenti di esperti; il ‘cluster’ più anziano e competente pone un’esasperata attenzione a ciò che mangia. Si potrebbe riassumere il tutto in una piramide che vede alla base il gruppo più numeroso (44%) e giovane (età media 36 anni) del “wellness non è tutto”, attento all’alimentazione e ad una dieta, con abitudine al consumo di pasti fuori casa.
Sopra nella piramide, con il 32%, il gruppo “#stasereno” che forte dell’età media di 40 anni ha sviluppato un propria idea di alimentazione e sport, ma senza ossessioni. C’è una forte presenza di madri che, pur essendo attente alla qualità dei prodotti alimentari e alla condivisione della cultura del wellness (frequentano le palestre da 17/18 anni), devono coniugare quotidianamente queste esigenze con le spese e la famiglia.
Più in alto il gruppo dei “pasionari del wellness” (17%), sportivi convinti over 40enni mettono in atto pratiche di selezione alimentare in maniera decisa e oculata. Una disciplina che scaturisce dall’attenzione a scadenze, valori nutrizionali e integratori segnalati nelle etichette; più pronti a evitare alimenti  e a seguire i consigli dei medici (nutrizionisti e scienziati).
Al vertice della piramide, per NETS, ci sono gli estremisti del gruppo “maturi sull’orlo di una crisi di nervi” (7%): età media 47 anni (il 52% over 50), sono integralisti dell’alimentazione abbinata ad una importante attività fisica. Per questi praticanti il ‘wellness è la vita’, attenti ad un corpo ‘costruito’ con anni di attività fisica (38, mediamente).
 

INFO:
ingresso: operatori e grande pubblico; biglietto: 40 euro (valido tutti i 4 giorni della manifestazione per un ingresso al giorno); ridotto 34 euro, riduzione per gruppi, scuole superiori e studenti universitari; ingresso gratuito per gli over 65, i minori di 12 anni e i portatori di handicap e accompagnatori; giornaliero intero 27 euro;
orari: dalle 9.30 alle 19.00 per tutti i giorni di manifestazione

www.riminiwellness.com
www.nets.it/