Grave episodio di tensione al largo della acque libiche. Una nave cargo turca è stata bombardata ieri mentre si avvicinava al porto di Tobruk e poi attaccata dal cielo mentre cercava di allontanarsi. Lo riferisce il ministero degli Esteri di Ankara, secondo cui la nave “era in acque internazionali”. Un ufficiale è morto e altri membri dell’equipaggio sono rimasti feriti.  
Una “fonte militare” citata da un media libico filo-Tobruk ha sostenuto che il cargo turco è stato colpito dall’aviazione mentre era nelle “acque territoriali libiche nei pressi del porto di Derna”, la città-califfato dell’Isis, violando un “embargo” sulla fornitura di armi. Il cargo aveva violato l’embargo imposto dall’esercito su questa regione” situata fra due punti ad est e ovest della città, ha riferito ancora sostenendo inoltre che “l’aviazione ha bombardato il cargo mentre continuava a procedere verso la costa di Derna ed era arrivato a una distanza di 10 miglia”. La Turchia sostiene il governo di Tripoli avversando quello di Tobruk (a sua volta sostenuto dall’Egitto). Per “aviazione” il media intende chiaramente la forza aerea fedele a Tobruk.