01
Che quello deglli immigrati clandestini fosse un business a vari livelli era noto. Ora ci sono anche le cifre di questo affare.
Almeno quelle ufficiali, ossia non tenendo conto dei soldi che gli stessi migranti sono costretti a pagare a chi li trasporta in Italia.
L’Italia per il mantenimento degli oltre 65mila profughi attuali (naturalmente destinati ad aumentare) spende quasi 2 milioni i euro al giorno, circa 700 all’anno. Sono i costi sostenuti dal Viminale per dare vitto e alloggio a ogni straniero. Le spese comprendono poi gli oneri per i servizi sanitari, quelli educativi, i servizi sociali, le case, la giustizia.
E i costi dal 2013 ad oggi sono addirittura raddoppiati. Secondo le stime, l’Italia quest’anno spenderà più di 1 miliardo per custodire gli immigrati. Ben 400 milioni in più rispetto al 2014, addirittura 500 rispetto alla stagione precedente. Per colpa della mancata collaborazione dell’Europa, che ha deciso di intervenire solo ora. Ma anche per la lentezza dello Stato che non riesce a dare risposte in tempi ragionevoli per le richieste d’asilo.
E’ naturalmente la Sicilia la regione che ne ospita di più: quasi 15 mila. Seguono il Lazio, la Puglia e la Lombardia. Con l’Italia che è senza ombra di dubbio il paese più accogliente di tutto il Vecchio Continente.
Quello dell’accoglienza è certamente un affare milionario. Ma lo è solo per pochi  Certamente per molte coop rosse e per le ong cattoliche che si arricchiscono sulle disgrazie dei profughi.