L’aula della Camera ha respinto, a voto segreto, le questioni pregiudiziali di costituzionalità all’Italicum. I voti contro sono stati 384, 209 quelli a favore. Bocciate, con 385 no e 208 sì, anche le questioni pregiudiziali di merito. In mattinata Montecitorio aveva già respinto le questioni pregiudiziali di costituzionalità al decreto legge sull’Election day presentate dalla Lega e da Fi. Il governo pone la fiducia, le opposizione insorgono.
“Sia il voto di oggi, sia il numero limitato di emendamenti, non offrono nessun alibi per la fiducia, che sarebbe una scelta sciagurata. Continuo a sperare che non venga compiuta”. Così il deputato Pd Alfredo D’Attorre sottolineando, in merito al voto segreto sulle pregiudiziali, come la minoranza aveva già detto “che il dissenso sarebbe stato espresso a viso aperto. Il nostro obiettivo non è affossare la legge, ma provare a migliorarla”.