Tra gli oltre quattromila morrti del terremoto ci sono anche alcuni nostri connazionali. Tre sono trentini: Renzo Benedetti, Marco Pojer e Oskar Piazza. Quest’ultimo faceva parte della spedizione dei quattro speleologi italiani dati ieri per dispersi nei pressi del villaggio di Langtang, travolto da una valanga. Di questa spedizione è morta anche Gigliola Mancinelli, di Ancona, mentre gli altri due, Giuseppe Antonini e Giovanni Pizzorni, sono salvi e hanno contattato i familiari.
Intanto la terra in Nepal continua a tremare. Oggi una nuova scossa di magnitudo 5.1 è stata avvertita nella stessa area colpita dal devastante terremoto del 25 aprile. I dati sono stati rilevati dal sismografo della Piramide, rende noto l’Istituto Nazionale di Oceanografia Sperimentale (Ogs).