E’ di un morto e tre feriti il bilancio dell’esplosione, provocata da una fuga di gas, avvenuta attorno alle 18:30 per strada, in via Milano, nel centro di Barletta. Lo si apprende da fonti sanitarie.  La vittima è un operaio dell’Italgas di 56 anni, Nicola Delvecchio. Tra i feriti il comandante della polizia municipale, Savino Filannino, che era sul posto assieme all’assessore alla polizia municipale, ai vigili urbani, vigili del fuoco e ai tecnici dell’Italgas dopo la segnalazione di un forte odore di gas. Sul luogo dell’incidente sono giunte cinque postazioni del 118, perché alcuni residenti nella zona hanno accusato malori, e i vigili del fuoco del nucleo ‘Nbcr’. La segnalazione del cattivo odore di gas era stata fatta da alcuni residenti ai vigili urbani attorno alle ore 14. Sul posto, in via Milano, a ridosso del passaggio a livello, si sono recati l’assessore alla polizia municipale, Marcello Lanotte, il comandante dei vigili, Filannino, tecnici dell’Italgas e Vigili del fuoco. Gli operai dell’Italgas hanno rilevato il luogo in cui era in corso la fuga di gas e, poco più tardi, hanno cominciato a compiere uno scavo. Mentre erano in corso i lavori, l’assessore Lanotte si è allontanato di circa 200 metri per prelevare dalla sua auto il caricabatterie del cellulare e ha sentito una forte boato. E’ accorso un luogo dello scavo e ha constatato che c’era stata un’esplosione dall’interno di un locale adibito a parrucchiere da uomo, davanti al quale erano in corso i lavori di scavo.