L’ufficio di Presidenza del gruppo Pd ha deciso di sostituire i dieci membri della minoranza Dem presenti in commissione Affari Costituzionali. Si tratta, sottolineano fonti Pd, di una sostituzione “ad hoc” e non definitiva, valida quindi solo per l’esame dell’Italicum e in linea con quanto deciso nell’assemblea dei deputati Pd.
I membri estranei all’area renziana del Pd, tutti critici, ormai da mesi, sull’Italicum 2.0 atteso il 27 aprile in Aula alla Camera quindi lasciano, temporaneamente, la commissione Affari Costituzionali. La notizia era annunciata ma, oltre a far salire in trincea l’M5S e perfino Scelta Civica, che minacciano l’Aventino in I Commissione, rischia di allargare ulteriormente la frattura interna ai Dem con una buona fetta della minoranza pronta al contrattacco in Aula.
La sostituzione dei 10, sottolineano fonti del gruppo Dem, non è una forzatura e non è stata votata dall’ufficio di presidenza che si è limitato ad attuare quanto deciso dall’assemblea dei deputati di mercoledì scorso, quando il cosiddetto “lodo Cuperlo” (ovvero la sostituzione dei membri che, sull’Italicum, non sono in linea con il gruppo e, inoltre, sono determinanti nelle votazioni degli emendamenti) fu definito di “buon senso” dallo stesso Renzi. Ma la sostituzione di Bersani, Bindi, Cuperlo, Lattuca, D’Attorre, Giorgis, Pollastrini, Agostini, Meloni e Fabbri è destinata ad invelenire ulteriormente il clima sull’Italicum con la minoranza.