Il fatturato nell’industria diminuisce a gennaio dell’1,6% rispetto a dicembre, con una flessione dello 0,9% sul mercato interno e del 3,1% su quello estero. Lo rileva l’Istat che parla di un calo “abbastanza importante” dopo il risultato positivo di dicembre (+1,4% su mese e +0,9% su anno). Su base annua la riduzione di gennaio è del 2,5%. Male anche gli ordini che sono diminuiti del 3,6% rispetto a dicembre, mentre nel confronto con il 2014 l’indice grezzo degli ordinativi si è ridotto del 5,5 per cento.
Il calo, aveva osservato pochi giorni fa Confindustria, sarebbe attribuibile soprattutto a “fattori di calendario” e comunque la produzione industriale a febbraio potrebbe essere salita dello 0,4% dopo il -0,7% di gennaio. Se il dato venisse confermato a fine trimestre il Pil potrebbe crescere dello 0,2%.