È morto uno dei dieci feriti della rapina tentata oggi in un supermercato di Ottaviano (Napoli). Si tratta di Pasquale Prisco, 28 anni, figlio del proprietario del supermercato. Prisco è deceduto nell’ospedale di Sarno (Salerno), dove era stato sottoposto ad un’operazione chirurgica per ferite all’addome. Lo si apprende dai Carabinieri impegnati nella rapina finita nel sangue al supermercato Etè di Ottaviano. Dieci in tutto oe persone ricoverate tra cui due carabinieri, sei ricoverati all’ospedale Martiri del Villa Malta di Sarno, altri quattro ricoverati tra San Giuseppe Vesuviano e Nocera Inferiore. In serata poi la svolta nelle indagini: i rapinatori erano due carabinieri liberi dal servizio (sono di stanza a Mestre), che sono stati arrestati.
Fin dall’inizio sono apparse gravissime Pasquale Prisco, 30 anni, proprietario del supermercato e protagonista, assieme a suo fratello e a due dipendenti del locale di un inseguimento sfociato in una sparatoria cruenta sulla strada statale 268. L’uomo ha ricevuto tre proiettili all’addome ed è morto poco prima di mezzanotte.
Ad un dipendente, invece, è stata asportata la milza all’ospedale di Nola: ha il fegato spappolato e problemi al rene. E’ lui il secondo ferito grave di questo conflitto a fuoco da Far West.