Non si ferma in Nigeria la spirale di violenza degli estremisti islamici di Boko Haram. A quattro giorni dalle elezioni nel Paese africano, i terroristi islamici sono tornati a colpire Damasak, la stessa città liberata questo mese dalle truppe del Niger e del Ciad, e hanno rapito piu’ di 400 tra donne e bambini
Lo riferisce il sito della Reuters che cita persone del posto. Se confermato, si tratta dell’ennesimo sequestro di massa da parte degli jihadisti. “Hanno preso 506 giovani donne e bambini (a Damasak). Ne hanno uccisi 50 prima di abbandonare la città”, ha raccontato ai media un commerciante del posto, Souleymane Ali. “Non sappiamo se ne hanno ucciso altri prima di andarsene, ma hanno catturato il resto degli abitanti portandoli con loro”, ha aggiunto inorridito.
La scorsa settimana, le truppe del Niger e del Ciad hanno trovato i cadaveri di almeno 70 persone sotto un ponte che porta a Damasak, un luogo probabilmente usato per le esecuzioni di massa. Il colonnello Toumva Mohamed, capo della coalizione Niger-Ciad nella zona, ha detto poi che i residenti locali hanno denunciato il rapimento di 400 tra donne e bambini.