Un uomo di cinquant’anni, Luca Tromboni, proprietario di una ditta di viti e bulloni, è stato ucciso nelle prime a colpi di arma da fuoco nelle prime ore del mattino. Si trovava all’interno della sua azienda che si trova a Quinto de’ Stampi, una frazione di Rozzano (Milano). Insieme al fratello, Tromboni era titolare di una ditta che produce viti dal 1967, anno in cui il padre, ora 81enne, aveva fondato la società.
E’ stata la madre, che vive all’interno del comprensorio in cui si trova anche l’azienda, a trovare il corpo dell’uomo: prima delle 6 è andata, come al solito, dal figlio e l’ha trovato cadavere, ucciso da due colpi di pistola: uno al petto e uno alla testa. Il cinquantenne non aveva precedenti e sul movente è ancora giallo. Ma i carabinieri di Rozzano che si occupano del caso escludono che si sia trattato di una rapina.