Nonostante il prezzo del petrolio sia in continua discesa, il costo del carburante alla pompa in Italia non solo non diminuisce, ma aumenta.
Secondo ribasso consecutivo, ieri, per la quotazione della benzina nel Mediterraneo, terzo per quella del diesel, mentre questa mattina i prezzi alla pompa si muovono sulla scia di Eni: in rialzo benzina e Gpl, in ribasso il diesel. Stando alla consueta rilevazione di Staffetta Petrolifera, questa mattina hanno messo mano ai listini Ip (+0,5 cent sulla benzina e sul Gpl), Q8/Shell (-1,5 sul diesel) e Tamoil (+1 sulla benzina e -1 sul diesel). Ritocco al rialzo per il Gpl Esso (+0,5 cent).
Queste le medie ponderate nazionali dei prezzi tra le diverse compagnie in modalità servito: benzina a 1,689 euro/litro (+0,1 cent), diesel a 1,540 euro/litro (-0,2 cent), Gpl Eni a 0,636 euro/litro, metano a invariato 0,988 euro/kg (fonte metanoauto.com). Analoga la dinamica dei prezzi della Gdo (Coop Estense, Conad, Enercoop, Carrefour e Simply, tutti in unica modalità self service): diesel in calo a 1,390 euro/litro (-0,2 cent), benzina in rialzo a 1,508 euro/litro (+0,3 cent). Queste le quotazioni dei prodotti in Mediterraneo alla chiusura di ieri: benzina a 413 euro per mille litri (-12), diesel a 416 euro per mille litri (-9, valori arrotondati).