MSIlogo 1972-95L’estrema destra si riorganizza e pensa a un raggruppamento di sigle attorno all’MSI, il Movimento Sociale Italiano di Michelini e Almirante.
 «Ci sono vasti ambienti su posizioni nazionalistiche e patriottiche che non si riconoscono nel progetto politico di Salvini – spiega Roberto Fiore, leader e fondatore di Forza Nuova – Il suo è un programma liberale, con la flat tax al 15% per tutti, pieno di contraddizioni. Anche sui diritti sociali non si riescono a capire le idee del segretario della Lega: da una parte è tra i fautori per i diritti sociali alle coppie di fatto, dall’altro è contro l’ideologia gender». Bocciato senza appello Salvini «è inaffidabile, in Veneto governa con Ncd, vuole espandersi al Sud ma annuncia un referendum per far diventare la Lombardia una regione a statuto speciale»,
Fiore mira a creare un nuovo movimento: «Stiamo lavorando per raccogliere quegli ambienti di destra che non si riconoscono nella Lega. L’assenza dei romani in piazza del Popolo è stata evidente, non puoi dire certi slogan per 25 anni ed essere credibile. A breve nascerà un soggetto politico dall’alleanza tra Forza Nuova e sezioni del Msi, come quella di Prati di Alfredo Iorio. Entro un mese ci sarà la prima importante iniziativa che faremo insieme».
Una posizione molto diversa rispetto a quella presa da CasaPound, altro movimento di estrema destra che con la Lega ha stretto un patto di acciaio, risultando decisiva per l’elezione di Borghezio al Parlamento Europeo.
«CasaPound ha rinunciato al suo posizionamento anti-sistema e ci è entrata, è diventata Sovranità, l’associazione politico culturale che sostiene Salvini e Sovranità fa parte della Lega Nord. Lo dico senza malizia e senza polemica. Per noi è un fatto positivo perché ci lasciano uno spazio, quello nazional-popolare, che siamo pronti a raccogliere».
Anche Adriano Tilgher, leader del Fronte sociale nazionale, stronca Salvini «sostenerlo e corrergli dietro è un errore politico perché non ha nessun progetto» ma esprime un giudizio negativo sul nuovo soggetto che vuole proporre Fiore: «È necessario capire un concetto di fondo: non c’è alcun motivo per riunire l’estrema destra, non serve a nulla, serve invece un grande progetto alternativo per il popolo italiano, perché con la storia della crisi, fasulla e creata ad arte, stanno svendendo il nostro Paese».