zaiatosiIl consiglio federale della Lega Nord, riunito nella sede di via Bellerio, ha votato all’unanimità la candidatura dell’attuale governatore del Veneto, Luca Zaia, per le prossime elezioni regionali.
Il consiglio federale hapoi lanciato un ultimatum a Tosi: scelga tra la Fondazione ‘Ricostruiamo il Paese’ e la Lega Nord. Stando a quanto si apprende, l’organo esecutivo del Carroccio avrebbe dato al sindaco di Verona una settimana per decidere, appunto, tra la Fondazione e il Movimento, votando l’incompatibilità tra i due organismi.
Matteo Salvini al termine del consiglio federale ha detto: “E’ stato un bel consiglio federale e per quanto riguarda il Veneto Zaia è stato ricandidato governatore all’unanimità”.
“In Veneto decideranno i veneti con un Veneto, Dozzo, che ha la tessera del partito da più di vent’anni. Io con oggi ho finito il mio compito”, ha chiarito il segretario federale della Lega. “Se Tosi non ritirerà la tessera della Fondazione ‘Ricostruiamo la pace’ é automaticamente fuori dalla Lega come prescrive il nostro statuto”, ha poi sottolineato Salvini, dicendosi convinto che, tuttavia, “tutti faranno la scelta più saggia”.
“Non ho in programma, nei prossimi giorni, alcun incontro con Berlusconi e Ncd ma siccome vogliamo costruire una alternativa a Renzi per quanto riguarda Forza Italia non c’è nessuna preclusione”, ha detto il segretario federale della Lega Nord, spiegando che “seguiamo il dibattito interno ma una volta che si sarà concluso, vedremo il da farsi”.
“Sulle alleanze – ha aggiunto Salvini – ho chiesto, e il consiglio mi ha dato il mandato, che l’ultima parola spetti a me. Lascio tranquillamente libertà di scelta ma si vota in cinque Regioni e devo garantire l’omogeneità”.
In serata è arrivata la risposta seccata di Tosi. “Oggi ha vinto Via Bellerio sulla Liga Veneta, se proprio vogliamo… Che abbia vinto il Veneto, la vedo un po’ dura”, ha detto. Proprio sulla possibilità di lasciare la Lega, Tosi ha aggiunto: “Devo decidere cosa fare, ci ragionerò a mentre fredda”.