kyengeSarà l’ex ministro per l’Integrazione a dover trovare una soluzione al problema degli sbarchi sulle coste italiane ed europee.  Insieme all’eurodeputata maltese Ppe Roberta Metsola, sarà la correlatrice del “rapporto di iniziativa strategico sulla situazione nel Mediterraneo e sulla necessità di un approccio globale dell’Ue alle migrazioni”.
“Sono riconoscente per la responsabilità che il parlamento mi ha affidato”, ha commentato Kyenge soddisfatta che l’incarico le sia stato affidato dalla larga maggioranza dagli eurodeputati. “Dobbiamo superare il perenne approccio emergenziale con cui è stato sempre affrontato il tema – ha continuato – il flusso di migranti che attraversano le frontiere Sud dell’Europa è un fatto strutturale e transnazionale”. Per l’ex ministro la questione deve essere affrontata condividendo le responsabilità “tra tutti gli Stati membri ponendo al centro innanzitutto la tutela della vita umana”.
Nel 2014 in Italia sono sbarcati 180mila clandestini. Nel primo bimestre del 2015 il flusso è più che raddoppiato rispetto all’anno precedente. E questo senza contare i moltissimi morti.