E’ stata confermata la custodia in carcere per Massimo Bossetti. La prima sezione penale della Cassazione ha infatti respinto il ricorso della difesa che chiedeva la scarcerazione del suo assistito. Bossetti è accusato della morte della tredicenne Yara Gambirasio. Dopo tre ore e mezza di camera di consiglio, i Supremi giudici hanno respinto il ricorso avanzato dall’avvocato Claudio Salvagni, difensore di Bossetti, contro l’ordinanza con la quale lo scorso 14 ottobre, il tribunale della Libertà di Brescia aveva confermato la custodia cautelare decisa dal Gip il 15 settembre. Bossetti è stato arrestato lo scorso giugno. Yara è stata uccisa a Brembate il 26 novembre 2010, il suo corpo venne ritrovato 3 mesi dopo in un campo a Chignolo D’Isola.