Dei venti milioni di enoturisti che viaggiano per il mondo, l’Italia ne attrae 3. Sembrerebbe un buon numero, ma in realtà, secondo quanto si evince dall’ultima edizione del rapporto sul turismo del vino in Italia risulta che perde quote di mercato rispetto ai concorrenti storici ed emergenti a livello mondiale. Lo riporta il sito specialikzzato Viaggiare.net.  “La nostra quota di mercato – rileva la ricerca – si è ridotta dal 6,6 al 4,5% negli ultimi 20 anni e, nonostante il grande potenziale di attrazione turistica, non si evidenzia una capacità di invertire tale trend, anche a causa della mancanza di un approccio settoriale al mercato turistico”. Tra le azioni che si rendono necessarie, l’analisi evidenzia “la necessità di puntare ad un cambiamento nella visione del mercato con iniziative in linea con la vocazione territoriale; l’identificazione di segmenti su cui puntare per lo sviluppo e l’individuazione di categorie specifiche di consumatori-turisti”.