Cinque fratelli, di origini libanesi, sono indagati dalla procura di Torino per finanziamento al terrorismo e riciclaggio internazionale. Secondo la guardia di finanza, che ha effettuato le indagini, ripulivano il denaro proveniente da un ingente traffico di droga per finanziare l’attività degli Hezbollah.