SergioMattarella“Con Renzi non abbiamo ancora individuato un nome, ma andiamo avanti nel confronto. Abbiamo avuto la sfortuna di avere sempre presidenti della Repubblica a noi contrari e che hanno ostacolato la nostra azione politica e la nostra rivoluzione liberale…”, così Silvio berlusconi dopo l’incontro a Palazzo Chigi. Il Cavaliere si sarebbe lamentato del fatto che gli ultimi tre presidenti sono sempre stati di sinistra.  Il leader azzurro, raccontano alcuni presenti, avrebbe sottolineato che il presidente della Repubblica può incidere in decisioni della Cassazione e “io ne so qualcosa…”.
Dall’incontro sarebe emerso che il Pd intende puntare su Sergio Mattarella nonostante Forza Italia non lo gradisca completamente preferendogli Giuliano Anato.
“Se Berlusconi ci dice no – avrebbe detto Renzi -, possiamo ribattere che anche andando da soli possiamo eleggerlo con i 400 voti del Pd, sommati a quelli di Sel, Scelta Civica, 25 grillini e una quarantina di centristi. E comunque ci teniamo anche le carte di riserva…”. Carte di riserva che sarebbero assolutamente indigeste per Forza Italia: Bersani, Prodi, Grasso e altri possibili magistrati.
Intato oggi alle 15 è fissata la prima “chiama” PD e Forza Italia (che ha già dimenticato Antonio Martino) voteranno scheda bianca assieme ai centrini.