vikersLo schianto mortale nel quale persero la vita il ricco albergatore Gary Vickers, 58 anni, e la sua fidanzata, Kay Clarke, 42, fu semplicemente un incidente dovuto alla carenza di carburante nell’aereo privato sul quale viaggiavano. Il velivolo, però, non restò a secco per fatalità: fu lo stesso Vickers che, pur di risparmiare qualche sterlina, decise di partire da Parigi riempendo i serbatoi solo parzialmente in attesa di acquistare altro carburante a prezzo inferiore una volta atterrato in Inghilterra, all’aeroporto di Hawarden, nei pressi di Chester. Una parsimonia che si tramutò in una tragedia: i calcoli sulla durata del viaggio e sull’autonomia dell’aereo si rivelarono sbagliati e il bimotore Cessna sul quale viaggiava la coppia si schiantò al suolo.
Nel novembre 2013, reduce da uno shopping-tour a Parigi con la fidanzata, Vickers, divorziato e con due figli adulti, descritto come “molto sensibile al risparmio di carburante”, aveva appurato di poter comprare in Gran Bretagna combustibile a prezzo più economico rispetto alla Francia. Prima di decollare ha quindi riempito due serbatoi principali dell’aereo, che avevano una capacità di 386 litri, con soli 244 litri di carburante. E, nonostante nei due serbatoi di riserva ci fosse abbastanza combustibile per coprire il tempo di volo in più, una volta in viaggio non li azionò. Sono questi alcuni dei punti salienti della relazione stilata dall’autorità che ha svolto un’inchiesta sull’incidente, la Air Accident Investigation Branch (Uiia).