Il colosso coreano Samsung ha probabilmente avuto qualche piccolo problema interno nel corso dell’ultimo anno, problemi che sembrano aver portato il produttore a una sognificativa, ma non diastrosa, perdita di market share per quanto riguarda proprio le telefonia mobile. Questo è infatti quanto emerso da una ricerca effettuata da TrendForce, i cui risultati sono stati resi pubblici nel corso delle ultime ore.
In accordo con quanto dichiarato da TrendForce, Samsung resta ancora in cima alla classifica dei produttori di smartphone ma perde quasi 5 punti percentuali rispetto al 2013. Nel 2014 Samsung ha infatti raggiunto il 28% del market share globale, contro il 32,5% dell’anno precedente. Al contrario, la rivale di sempre Apple, insegue dalla seconda piazza con una percentuale che resta quasi identica a quella del 2013. Parliamo del 16,4%, con un distacco di oltre 10 punti percentuali da Samung ma che, dato l’andamento del mercato, potrebbe ridursi vistosamente anche quest’anno
Parlando degli altri produttori abbiamo Lenovo e il suo ultimo acquisto Motorola che, nella classifica del 2014, raggiungono quota 7,9%, seguiti da LG al 6 e dall’ormai noto brand cinese Huawei che si conferma in lotta per il quarto posto con il 5,9%.
I dati diffusi da TrendForce prevedono inoltre una crescita globale del mercato smartphone anche per il 2015, oltre alla consolidata crescita che ha caratterizzato il 2014. Lo scorso anno il volume del mercat è passato da circa 970 milioni di dispositivi distribuiti a circa 1,16 miliardi. La previsione per il 2015 è altrettanto rosea, con 1,29 miliardi di smartphone probabilmente distribuiti.
Per quanto riguarda invece le percentuali per singolo produttore dovremo aspettarci un ulteriore calo della percentuale relativa alle unità distribuite da Samung, che passeranno al 26,6%. Apple dovrebbe ricalcare il risultato del 2014, mentre si apprestano a darsi battaglia per le posizioni di rincalzo Lenovo, Huawei, LG e Xiaomi.