attentato-nigeria-638x425Ancora un attacco suicida che vede nuovamente protagonisti dei bambini. Anche questa volta due bambine, pare di circa 10 anni, sono state imbottite di esplosivo e fatte esplodere in un mercato dove si vendono telefonini a Potiskum, nello stato nord-orientale di Yobe, roccaforte del gruppo sunnita jihadista diBoko Haram. Almeno 4 i morti e 25 i feriti di questo nuovo attentato.
Intanto, l’esercito nigeriano ha sollecitato la cooperazione internazionale contro Boko Haram, dopo i fatti di Baqa, nel nord-est del paese, che avrebbe causato centinaia di morti. Il bilancio delle vittime non è ancora stato accertato, ma secondo alcune fonti i morti potrebbero essere 2.000
Uno dei sopravvissuti alla strage ha raccontato ai media nigeriani: “Abbiamo corso per giorni e visto cadaveri, specialmente sulle isole del lago Ciad: sono stati sterminati come insetti. Il massacro (di domenica scorsa, ndr) è andato avanti per giorni, i miliziani sono in agguato lungo le acque e, quando vedono passare una barca di quelli che fuggono, aprono il fuoco”. Altri sopravvissuti parlano di decine di cadaveri “ovunque”. {jcomments on}