Gettata in un cassonetto a quasi 200 chilometri da casa, morta dentro un sacco della spazzatura. È stata trovata così la piccola Eliza Delacruz, una neonata di tre settimane rapita sabato sera in California dalla sua abitazione di Long Beach. Il rapitore, un uomo, l’aveva presa con sé al termine di una sparatoria in cui erano stati feriti il padre, la madre e uno zio della bimba.
Chiamati per una sparatoria, gli agenti della polizia avevano trovato in una casa i tre adulti feriti ed avevano lanciato imponenti operazioni per cercare la piccola che era scomparsa dalla casa. Due dei feriti sono ancora in gravi condizioni, un terzo è stato dimesso.
Il corpo senza vita di Eliza è stato trovato in un cassonetto in un centro commerciale di Imperial Beach, una località vicino al confine con il Messico. Il ricercato non è ancora stato identificato. Si sa solamente che è un uomo e la polizia ipotizza che possa aver conosciuto la famiglia.