Le acciaierie Lucchini di Piombino parleranno arabo. L’ultima parola spetterà al ministero dello Sviluppo Economico, ma intanto il Comitato di Sorveglianza del gruppo siderurgico, in amministrazione straordinaria da mesi, ha dato il via libera all’offerta del gruppo algerino Cevital, preferendola a quella degli indiani di Jindal.
In una nota diffusa al termine del comitato, il Commissario straordinario Piero Nardi ha chiesto al Mise “di essere autorizzato alla stipula con il gruppo Cevital del contratto preliminare di cessione dei seguenti rami d’azienda: Lucchini Piombino, Lucchini Servizi e Vertek Piombino, e alla cessione delle azioni di GSI Lucchini pari al 69,27% del capitale sociale”.