L’impresa di Marco Rosi ha chiesto il concordato di continuità alla conlcusione di un lungo periodo di difficoltà.Il gruppo parmense leader nella produzione di salumi di qualità on un fatturato di 160 milioni di euro ha un indebitamento di oltre 75 milioni verso una ventina di istituti di credito.